Sudafrica. Genocidio boero: ammazzato Kobus de Vries (20 gen. 2011) Stampa
Lunedì 24 Gennaio 2011 13:37

South African Police Service (Polizia di Azania)Notizia dal Volksblad, News24.com, e Censorbugbear Reports

Kobus de Vries (54 anni), agricoltore boero a Babanago, nel Natal, è stato colpito da un colpo di arma da fuoco e ammazzato presso l’abitazione della sua azienda agricola giovedì (20 gennaio 2011), dopo che la polizia aveva circondato la sua fattoria, e l’aveva tenuta sotto assedio per quattro ore e mezza.
La Polizia di Azania (la polizia dell’impero capitalista-comunista in Africa del sud) sostiene che si è suicidato. La famiglia De Vries ha nominato due investigatori privati e un patologo per stabilire la verità.
Un portavoce della polizia ha detto che gli agenti sono arrivati presso l’abitazione di De Vries dopo aver avuto notizia che era stato coinvolto alcuni litigi e piccoli incidenti, presumibilmente con dipendenti Eskom, sulla strada che dalla città lo riportava a casa. La famiglia De Vries ha detto che il signor Kobus era scontento per i continui blackout che colpivano la sua fattoria.
Phillip van Vuuren (83 anni), zio di De Vries, ha detto che Kobus è stato colpito da un proiettile della polizia alla schiena mentre cercava di tornare in casa.
“Ad un operaio agricolo era stato chiesto di convincerlo a venir fuori, con la promessa che la polizia non gli avrebbe sparato se si fosse arreso,” ha spiegato Van Vuuren.
“Quando l’operaio è uscito insieme a lui [De Vries] la polizia sembra abbia cominciato a sparare.”