Sudafrica, 2010. Italia-Paraguay: lo sciopero degli steward PDF Stampa E-mail
Martedì 15 Giugno 2010 01:26

Città del Capo. Steward in sciopero, polizia allo stadioSciopero improvviso degli steward a Città del Capo, dove lunedì sera si è giocata Italia-Paraguay, partita della Coppa del Mondo di calcio.
Come i loro colleghi di Durban, vogliono più soldi, molti di più; cifre spropositate per il Sudafrica (e non solo), in relazione al tipo di lavoro che dovrebbero svolgere, ma tant’è. Dopotutto, se il Mondiale serve ad arricchire i vertici del regime, gli speculatori locali ed internazionali, e qualche dirigente Fifa, è comprensibile che tanti vogliano la propria fetta.
Kylie Hatton, portavoce del Comune di Città del Capo, ha dichiarato di aver compreso la situazione lunedì pomeriggio.
Appreso dello sciopero, più di mille agenti sono stati fatti convergere allo stadio, alcuni scortati da volanti a sirene spiegate.
Polizia stradale, polizia metropolitana e agenti della centrale di polizia di Gallows Hill, quartier generale per le operazioni allo stadio, sono stati schierati per rimpiazzare gli steward in sciopero.
Il colonnello Billy Jones, portavoce della Polizia, ha spiegato che altri agenti sono stati forniti dalle scuole di polizia, portati in autobus allo stadio a più riprese.
Il Sudafrica è uno dei paesi più violenti (e corrotti) al mondo. Un paese dove ogni giorno si uccidono tra le 60 e le 90 persone. In una situazione del genere: si toglie la polizia dalle strade per schierarla negli stadi? Ognuno ha le sue priorità.
Quali sono quelle della Fifa?