Sudafrica. Genocidio boero: Witbank (17-26 dic. 2010) PDF Stampa E-mail
Venerdì 31 Dicembre 2010 12:29

Notizie dal Beeld, da News24.com e da Censorbugbear Reports

Gordon CookeGordon Cooke (27 anni), la sua fidanzata Bianca Barrand e la loro bambina Abigail di 8 mesi, sono stati attaccati presso la casa della loro piccola azienda agricola a Witbank, domenica 26 dicembre. Cooke è stato colpito al collo da un proiettile calibro 7,65 che gli si è conficcato nella spina dorsale. I dottori temono rimarrà permanentemente paralizzato dal collo in giù.

 

 

 

 

 

Martin Maree, proprietario di una piccola azienda agricola a Kromdraai (vicino Witbank), è stato attaccato e gli è stato sparato allo stomaco con una pistola calibro 7,65, il 26 dicembre. L’aggressore ha invaso la sua abitazione alle 02.50, gli ha puntato l’arma allo stomaco e ha premuto il grilletto. Il sig. Maree è in cura all’Ospedale Life Kosmos di Witbank

Jannie BritsJannie Brits (41 anni), direttore del carcere di Witbank, il 17 dicembre è stato aggredito e colpito allo stomaco da un colpo d’arma da fuoco, nella sua casa all’interno dell’area del carcere. Gravemente ferito è deceduto all’ospedale. Aveva una moglie, una figlia di 16 anni e un figlio di 13.

 

 

Witbank è un città dell’Alto Veld, 102 km ad est di Pretoria. Azania, l’impero capitalista-comunista dell’Africa del sud, nel 2006 ha cambiato nome alla città in “eMalahleni”; un altro genere di genocidio…