Sudafrica, prigionieri boeri: Willem Ratte in pericolo PDF Stampa E-mail
Domenica 17 Ottobre 2010 11:21

Ratte e Kotze in tribunale. Il Comandante è visibilmente dimagrito

Witbank (Sudafrica), 15 ottobre 2010, dichiarazione del comandante Willem Ratte in tribunale:
“Continuerò lo sciopero della fame fino a che il governo non ritirerà le accuse o il tribunale le respingerà. […]”

Segue un commento di Günther Kotze, arrestato con Ratte a Balmoral, e rilasciato il 15 ottobre su cauzione: “Il comandante è durissimo. 15 giorni senza cibo, sequestrato dallo Stato. Il suo disprezzo per loro è grande, come la sua sincerità, e la sua innocenza rispetto a tutte le accuse ingiuste formulategli contro dai servi del Malvagio. Ho un’infinità ammirazione per lui, e lui è veramente religioso. Dobbiamo pregare per lui, mentre digiuna per la sua scarcerazione. Servo il comandante Ratte, lui ha luce come scritto sulla Parola. Isaia 8:20. E’ una Leggenda.”

[“Leggenda” è il soprannome di Willem Ratte.
Isaia 8:20: Alla legge! alla testimonianza! Se il popolo non parla così, non vi sarà per lui alcuna aurora!
Ndr]

Nella foto sopra, del 15 ottobre 2010, si vedono il comandante Willem Ratte e Günther Kotze. Willem Ratte appare notevolmente dimagrito e si inizia a temere per la sua salute.