Commento: Un colpo di Stato è in arrivo! - Piet Rudolph PDF Stampa E-mail
Martedì 24 Agosto 2010 11:10

L’articolo sotto, redatto da Piet Rudolph dell’Orde Boerevolk, è stato tradotto dall’afrikaans (titolo originale: “Hier kom ‘n Staatsgreep!”, del 21 agosto 2010).

This article is available also in English.

 

Commento: Un colpo di Stato è in arrivo!

 

Complicazioni e disordini associati agli scioperi stanno delineando uno schema, sempre più evidente con il passare del tempo.

E’ opinione diffusa che gli attuali scioperi siano finalizzati ad ottenere stipendi più alti nel servizio pubblico, specialmente nel campo dell’istruzione. Ma difficilmente questo è l’unico obbiettivo. Questo settore è estremamente delicato, se anche la polizia e l’esercito saranno coinvolti, si spianerà la strada ad un colpo di Stato di tipo africano. Scioperi e interruzioni dei servizi stanno già paralizzando l’operato dei tribunali, di modo che la giustizia non può fare il suo corso. Dietro tutto questo c’è il Partito Comunista e l’unico motivo per cui non nessuno da l’allarme è perché i comunisti sono alleati del potere.

I comunisti sono intenti ad inserire propri ministri all’interno del governo e già sono nel consiglio dei ministri. Sempre più spesso il governo si troverà ad affrontare scioperi violenti. Come Winnie Mandela voleva aiutare a liberare il paese minacciando l’uso di pneumatici, benzina e fiammiferi, oggi si sentono le parole e i cori di intimidazione del terrore rosso. Ovunque si guardi, si possono vedere questi devastatori con maglie, cappelli e giacche rosse, diffondere la paura.

Tutto indica che i coristi danzatori che inveiscono durante gli scioperi sono le camice rosse della brigata della falce e martello e probabilmente saranno loro i maggiori istigatori delle violenze.

Di seguito un’allarmante foto presa dal Beeld [un giornale sudafricano, ndr] del 20 agosto 2010, all’interno di un articolo che spiega come stanno evolvendo le cose.

 

Non sappiamo quando ci sarà, ma stiamo attenti, un colpo di Stato è in arrivo!


Vieni, unisciti alla nazione Boera e aiutala a proteggerci tutti. Combatti per la libertà e la restaurazione delle Repubbliche Boere, e per l’onore di 27.000 donne e bambini. Stiamo uniti.