Barend Pienaar di Boerevryheid parla del Genocidio degli agricoltori bianchi in SA PDF Stampa E-mail
Sabato 03 Novembre 2012 21:55

Riassunto in italiano:
Il sito della nostra organizzazione è www.boerevryheid.co.za. Su Facebook siamo Boerevryheid. Nel mondo reale siamo il Boerevolk Vryheid Stigting (BVS). Siamo i boeri del Sudafrica, o il volk boero. Vogliamo richiamare la vostra attenzione sui crimini razzisti che stanno avvenendo (in Sudafrica). Negli ultimi 18 anni, ci sono stati 4.020 omicidi di agricoltori bianchi (prevalentemente boeri); atrocità commesse dai terroristi sudafricani, vale a dire il regime dell'ANC. Stiamo subendo un genocidio. Il genocidio è classificato in 8 livelli; l'ottavo è la negazione totale. In altre parole: i media lo negano, il governo lo nega, la polizia lo nega, il sistema giudiziario, che teoricamente dovrebbe proteggerci, lo nega. La nostra gente è stuprata ed ammazzata in ogni modo possibile. 60.000 omicidi di bianchi sono stati commessi nelle città e nei villaggi (sudafricani). I bianchi vengono stuprati, mutilati, fatti a pezzi. Tutto questo allo scopo di opprimerci nel nostro paese. Questo deve finire. Noi stiamo qui – e non ce ne andremo. Loro non ci conquisteranno – i britannici non ci riuscirono in 100 anni; i terroristi non ci riusciranno oggi. Grazie.