Distruggi lo Spirito di UBUNTU... - Le bugie dei bianchi cristiani: Bugia n. 2 PDF Stampa E-mail

 

Libro: Distruggi lo Spirito di UBUNTU, disse il padrone bianco cristiano
Sommario

Le bugie dei bianchi cristiani
Bugia n. 2

Lo Spirito della Separazione che è stato convenientemente ribattezzato in Spirito Santo.

Questo spirito Separato, che può essere indicato anche come lo Spirito della Separazione o meglio, come lo Spirito della "Apartheid" in ebraico, è il SOLO Spirito in base alla credenza biblica, in cui la salvezza è possibile.

Innanzitutto procediamo ad elencare quanto estratto da tredici autorevoli e acclamati dizionari di tutto il mondo, comunemente utilizzati dagli studiosi di teologia per determinare il reale significato delle parole. “Santo, Santità, santificato e santi” sono stati tradotti dalla parola originale in ebraico, “qadash” che significa “messo da parte”. Il reale significato di “santità” si mostra chiaramente qui di seguito, nella Concordanza di Strong. (I numeri di Strong sono tra parentesi)
SANTITA': [6944] qodesh { ko’-desh } da [6942]; in ebraico קֹדֶשׁ
1) Separazione, santità, sacralità, tenere separato
1a) Separazione, sacralità, santità
1a 1) di Dio
1a 2) di posti
1a 3) di cose
1b) fare Separazione, tenere separato
Questa parola deriva dall'originale qadash, che significa messo da parte.
SANTO: [6942] qadash { kaw-dash’ } in ebraico קָדַשׁ

1) messo da parte, consacrato
NON ci può essere incertezza per quanto riguarda il vero significato di questa parola. Denota Separazione, e combinata con la parola Spirito, indica uno Spirito di Separazione. Combinata con la parola ‘uomo’ indica un uomo di Separazione, o un uomo messo da parte. Tenendo a mente questo, mentre si prosegue nella lettura, risulterà chiaro che questa Separazione o Apartheid non è altro che la politica di totale segregazione razziale pratica dallo “uomo adamitico”, la creatura capace di arrossire menzionata nella Bugia n. 1.
Questa è la stessa politica che i cosiddetti predicatori bianchi “liberali” cristiani vorrebbe trasmettere all'uomo nero, che disprezzano, affinché vi creda.
In realtà, con la loro conoscenza della lingua ebraica (sono tutti laureati in ebraico all'università), molto probabilmente si staranno divertendo in modo perverso, nel prendere in giro l'uomo nero.
Predicano la salvezza per mezzo di uno spirito di APARTHEID (separazione) per soli bianchi, che hanno rinominato da Spirito dell'APARTHEID a Spirito Santo e “voilà!” i selvaggi africani sono tenuti in pugno e non potranno mai entrare nel santuario (posto della separazione) dell'uomo bianco.

Qui di seguito altri estratti da dodici altri dizionari e concordanze in ebraico/inglese [la traduzione in italiano è di Volkstaat.org]:

1] qodesh – Separazione
Le parole principali sono ‘qodesh’, in ebraico nel Vecchio Testamento, e ‘Hagios’, in greco nel Nuovo Testamento, entrambe le parole sono di derivazione incerta. Se la radice principale ךסדק deriva dalla radice semplice qd, significa tagliare o separare, e denota Separazione, e quindi la separazione di una persona o di una cosa da un uso comune o profano a un uso divino.
The New Bible Dictionary, 1962.

2] Santità
Dio è santo, separato dalla Sua creazione dalla Sua stessa natura. Essere santi significa letteralmente essere tagliati via o separati, e denota Separazione, il distacco di una persona o di una cosa dall'uso comune o profano, per un uso divino.
Earl D. Radmacher, editore generale; Ronald B. Allen, editore Vecchio Testamento,
Nelson Study Bible [file computer], electronic ed., Logos Library System, 1997.

3] SANTITA', SANTO
Le parole ebraiche ‘qadash’, santo; ‘qodesh’, santità; e le parole greche ‘hagios’ e ‘hagiosyne’, significano fondamentalmente separazione da ciò che è profano o immondo, e consacrazione a Dio (Lev. 20:24-26, VSR; Atti 6:13; 21:28). Dall'idea basilare di Separazione dal profano (Lev. 10:10; Ez. 22:26) sono derivati tre aspetti di santità che si trovano nelle Scritture. Anche oggetti cerimoniali sono classificati come santi o sacri, separati completamente per l'uso di Dio.
Pfeiffer, Charles F., Wycliffe Bible Encyclopedia, 1975.

4] Il peccato (2:11)
L'infedeltà di cui parla Malachia 2:10 è chiamata cosa detestabile (lett., “un abominio”), qualcosa di aberrante a Dio. Per di più questa abominevole infedeltà interessa la profanazione della santità. La parola per "santità" (קֹדֶשׁ, è “Separazione, tenere separato”.
La santità qui può far riferimento alla qualità distinta o tenuta da parte che Dio desiderava in Israele. L'abominevole infedeltà che profanava la santità d'Israele erano i matrimoni misti con i pagani. Tali matrimoni erano stati espressamente vietati perché avrebbero portato il popolo all'idolatria (Eso. 34:11-16; De. 7:3-4; Gios. 23:12-13). I matrimoni misti erano un grande problema dopo il ritorno dall'esilio (cfr. Esd. 9:1-2, 10-12; Ne. 13:23-27). Gli israeliti avrebbero dovuto sposarsi all'interno della propria nazione. Fare diversamente era atto di infedeltà al proprio popolo e a Dio. Un atto di disprezzo per la natura comune della propria nazione e di disobbedienza a Dio.
Walvoord, John F., and Zuck, Roy B., The Bible Knowledge Commentary, 1983, 1985.

5] Conclusione del Patto
Il rapporto di alleanza si esprime nella formula: “Io sono il tuo Dio, voi siete il mio popolo” (Ger. 31:33; Os 2:23); cfr. la formula del matrimonio e del divorzio (Os. 1:9).19. un popolo consacrato al Signore: La santità, che è, Separazione, deriva dal nuovo legame creato dal patto.
Dio è il completamente santo. La santità è la qualità essenziale di Dio; la sua vasta gamma di significati indica la sua diversità, la trascendenza assoluta, completa Separazione da qualsiasi peccato o limite umano.
D N Freedman, JBL 79 [1960] 156; R Abba, JBL 80 [1961] 320-28

6] Separazione
[afrikaans, dal nederlandese, da apart- separa + heid -azione](1947)
1: segregazione razziale; apartheid, specificatamente: una politica di segregazione e di discriminazione politica ed economica contro i gruppi non-europei nella Repubblica del Sudafrica
Merriam Webster’s Collegiate Dictionary, 1993.

7] קֹדֶשׁ n.m. Separazione, Sacralità (contr. חל
Separazione, sacralità, santità, di Dio: a. dell'attività divina, sin. maestà, בַּקֹּדֶשׁ agg. sacro, santo. Di Dio, poiché separato, a parte, e così sacro, santo: a. sopra un trono divino; trono celeste; in vittoria; b. separato dalla debolezza umana, dall'impurità, e sin. c. קְדוֹשׁ יִשְׂרָאֵל
essere messo da parte, consacrato - Qal 1. messo da parte, consacrato, santificato, di pane della presentazione; Aaronne e i suoi figli di sangue; altre persone.
Pi. 1. mettere da parte come sacro, consacrare, dedicare: a. posti: Sinai, altare, ecc., tabern., ecc; tenda di convegno; luogo del sacrificio; porta.??
Hithp. 1. mantenersi separati da ciò che è impuro. 2. di Dio, santificato in virtù d'esso.
Richard Whitaker editore, The Abridged Brown-Driver-Briggs Hebrew-English Lexicon of the Old Testament, 1997.

8] Tenere separato
Qodesh, qadesh, qadosh, eb.) L'idea alla base di questa famiglia di parole è “tenere separato”. Quando applicato a Dio, “santo” denota la Sua unicità e la Sua separazione da ogni cosa terrena e sbagliata; quando applicato all'uomo,- quelli che sono rendenti dal sangue devono vivere vite separate e sante (cfr. 1 P. 1:15-19).
W.A. Criswell, Believer’s study Bible [file computer], electronic ed. , Logos Library System, 1997, c1991 di Criswell Center for Biblical Studies.

9] Regolamento per la comunione con Dio
comprende il “Codice di Santità” (Le. 17-26). Santità o separazione doveva essere un modo di vivere, che richiedeva impegno verso il Signore in ogni aspetto. Istruzioni riguardanti la separazione sono comprese (Le. 17:1-22:33). Il popolo di Dio doveva impegnarsi unicamente a Lui e separarsi dalle pratiche pagane dei propri vicini.
Dorothy Kelley Patterson, editore generale; Rhonda Harrington Kelley, direttore editoriale, Woman’s study Bible [file computer], electronic ed., Logos Library System, 1997, c1995.

10] Sotto il vincolo di Dio,
Balaam disse una grande verità su Israele: la separazione di Israele dalle altre nazioni in senso fisico e spirituale era assolutamente essenziale (De. 7:6). Nel corso della storia Dio ha dimostrato che coloro che appartengono a Lui sono potenti.
Dorothy Kelley Patterson, editore generale; Rhonda Harrington Kelley, direttore editoriale, Woman’s study Bible [file computer], electronic ed., Logos Library System, 1997, c1995.

11] Il divieto di matrimoni misti:
Diventò una preoccupazione principale (Tob. 4:12-13; T. di Levi 9:10; 14:6). Altre aree in cui la separazione era particolarmente evidente comprendevano il cibo (Da. 1:8-15;. Tob. 1:10-12), la circoncisione (1 Maccabei 1:11-15), ed evitare l'idolatria caratteristica della società Gentile (1 Maccabei 3:48). 1 Maccabei 1 mette in evidenza il contrasto tra la vita secondo gli Israeliti e gli usi e i costumi dei Gentili.
Achtemier, Paul J., Th.D., Harper’s Bible Dictionary, 1985.

12] La santità di Yahweh:
È una dottrina molto importante nell'insegnamento di Isaia. La santità di Yahweh è un'espressione della sua separazione dalla corruzione del suo popolo. Lui è il Santo d'Israele La mente deve focalizzarsi sulla priorità di Dio, santità. Il significato di santità è separazione:
Elwell, Walter A. ed., Evangelical Commentary on the Bible, 1989.

Riassumendo:
La parola Separazione e le sue varianti appaiono circa milletrecento (1300) volte nelle Scritture. Secondo le suddette dodici citazioni di dizionari di fama internazionale, NON ci può quindi essere incertezza sul reale significato e sull'essenza del concetto ebraico di qadash o qodesh.
Il cosiddetto “Spirito Santo” della Bibbia che viene forzato giù per la gola dell'uomo nero nelle chiese cristiane, non è lo Spirito della Separazione della Bibbia originale.
Quest'ultimo spirito è uno Spirito che è disponibile solo per le persone bianche adamitiche, che continuano a tenersi separate; separate da tutte le altre razze; separate da tutte le altre religioni.

Per cui: l'africano ha abbandonato i suoi potenti spiriti di UBUNTU e li ha rimpiazzati con uno “Spirito Santo” privo di significato, dove il concetto di “essere santo” è stato ridefinito dal padrone cristiano bianco in:
• essere buoni e caritatevoli con tutti,
• non interrogare i padroni bianchi al potere e
• ASSOLUTAMENTE MAI consultare i guaritori africani tradizionali, le guide spirituali e i sangoma.
Per attirare le masse ai loro servizi domenicali, questi malvagi predicatori bianchi hanno aggiunto piccoli stupidi spettacoli nelle loro chiese, come “il parlare in altre lingue, il cadere in trance, la guarigione dello spirito” e altre sciocchezze per creduloni al fine di ingannare l'uomo nero.
Come può l'uomo africano scambiare lo spirito africano, lo SPIRITO DI UBUNTU, per questo patetico spirito cristiano, uno spirito intento ad intrattenere le povere anime fuorviate la domenica in chiesa?

Indietro - Sommario - Avanti