Milano, 3 dicembre 2011: Conferenza sul Genocidio Boero PDF Stampa E-mail
Mercoledì 23 Novembre 2011 22:30

Genocidio Boero. Conferenza a Milano, 3 dicembre 2011

Sabato 3 dicembre 2011, a Milano, presso la sede del circolo Ritter in via Maiocchi 28, si terrà la conferenza “Genocidio Boero”. L'iniziativa, promossa dall'associazione culturale Thule Italia, avrà come relatore il curatore di Volkstaat.org.

La dissertazione, oltre a trattare il Genocidio Bianco in Africa del sud, ovvero: lo sterminio razzista che sta insanguinando l'Africa australe, presenterà le ragioni, la storia e i drammi (passati e presenti) dell'unica nazione bianca africana: la nazione boera. Una nazione formatasi in Africa, dopo un lungo migrare alla ricerca della libertà, che fondò le proprie repubbliche su terre disabitate o regolarmente acquistate dalle tribù che le controllavano.
La nazione boera fu la prima a combattere il colonialismo in Africa. Quando il capitalismo internazionale si mosse per conquistarla, dopo che le sue terre si erano inaspettatamente rivelate ricche d'oro e diamanti, fu vittima dei campi di concentramento britannici. Le sue repubbliche vennero annesse alle colonie britanniche per formare un grande Impero: il Sudafrica; prima amministrato da chi il regime classificava come “bianco”, e oggi da neri. Due imperialismi molto diversi, in epoche diverse, ma asserviti agli stessi poteri economici internazionali.
Il Genocidio Boero, ieri come oggi, è anche culturale e spirituale. E' l'attacco all'identità di un popolo. Per distruggere l'identità boera il “vecchio” Sudafrica inventò un “nazionalismo” artificiale: quello “afrikaner”; per distruggere l'identità di tutti i popoli dell'Africa meridionale il “nuovo” Sudafrica ha inventato un nuovo “nazionalismo” artificiale, quello “sudafricano”.
Il nuovo Sudafrica “nero” (la “Rainbow nation” politicamente corretta), partorita dal rapporto tra capitalismo internazionale e terrorismo comunista, si caratterizza per le politiche razziste, la propaganda razzista, e la violenza razzista; contro i bianchi. E' un Impero, che nega la libertà a tutte le nazioni dell'Africa del sud.
In Africa del sud vi sono vari popoli indigeni, non solo di razza nera, e tutte queste nazioni hanno diritto alla libertà. Il concetto secondo cui l'Africa del sud apparterrebbe solo ai neri: è un concetto razzista, contraddetto dalla storia.
La nazione boera ha diritto all'esistenza e all'indipendenza, come qualsiasi altra, sulla terra dei propri padri.

L'inizio della conferenza è previsto per le ore 17.30.
Partecipate.