Koos Vermeulen PDF Stampa E-mail
Mercoledì 06 Aprile 2011 19:51

Koos Vermeulen, 1993Koos Vermeulen (62 y.o.), è morto il 6 aprile 2011 a Pretoria, dopo esser stato picchiato alla testa durante una lite con un altro automobilista.

Koos Vermeulen fu attivo nell’Afrikaner Weerstandsbeweging (AWB) alla fine degli anni ’70. Nel 1979 partecipò all’azione contro il prof. Floors van Jaarsveld, cosparso di catrame e piume per aver chiesto la soppressione del Giorno del Voto, sacra festa nazionale boera, in nome della società multirazziale, multinazionale, multi-religiosa.
Pochi anni dopo Koos Vermeulen lasciò l’AWB per fondare una nuova organizzazione: lo Afrikaner Nasionaal-Sosialiste (ANS, il Movimento Nazionalsocialista Afrikaner). L’ANS non ebbe mai molti iscritti; organizzò qualche riunione privata a Pretoria (dove Vermeulen abitava); celebrazioni per commemorare la nascita di Adolf Hitler; e funzioni in occasione dei solstizi.
Vermeulen fu particolarmente attivo per costruire una rete di contatti a livello mondiale, tra simpatizzanti dell’idea nazionalsocialista, che corrispondevano regolarmente tra loro scambiandosi notizie ed opinioni.
Nel 1989 Vermeulen lanciò anche il Wêreld-Apartheidsbeweging (WAB, il Movimento Mondiale dell’Apartheid) che affiliò varie dozzine di organizzazioni in tutto il mondo, tutte favorevoli all’Apartheid (“Separazione”) sia in Sudafrica che nei rispettivi Paesi. Il nome di tale organizzazione fu cambiato in Wêreld-Preserviste-Beweging (WPB, Movimento Mondiale per la Preservazione) nel 1993.
L’ANS ricevette grande pubblicità solo nel 1987, quando organizzò una cerimonia presso il Cimitero di Pretoria Ovest per rendere onore al martire nazionalista Rudolph Hess, nazionalsocialista tedesco morto nel carcere di Spandau a Berlino Ovest (dov’era stato rinchiuso dalla fine della Seconda Guerra Mondiale per non aver mai rinnegato il suo credo), il 17 agosto 1987. Alla cerimonia parteciparono anche rappresentati della AWB e di molte altre organizzazioni nazionaliste.
La foto che ritrae Koos Vermeulen in questo articolo è del 1993.

Molte informazioni contenute in questo articolo sono tratte dal libro di Arthur Kemp “Victory or violence: The Story of the AWB of South Africa.”